Films2021-02-25T12:32:43+01:00

COMPETITION

Addio a John le Carré

Con lui l’incontro più bello e incredibile della nostra storia di festival. Abbiamo incontrato al Noir, David Cornwell all’alba del nuovo secolo quando, nel 2001, accettò di venire a Courmayeur per ritirare il Raymond Chandler Award.

Aspettando il Festival

Aspettando il Festival

In attesa della trentesima edizione che avrà inizio l’otto marzo con una pre-apertura il sette dedicata al Premio Caligari, ecco gli ospiti, gli appuntamenti e le iniziative di febbraio.

Autobiografia di Petra Delicado

Alicia Giménez-Bartlett
Sellerio

Nei romanzi gialli di Alicia Giménez-Bartlett, la protagonista Petra Delicado della polizia di Barcellona non è solo l’ispettrice, brusca, franca e femminista, che risolve i delitti consumando le suole delle scarpe. Inchiesta dopo inchiesta il personaggio Petra si è mostrato al lettore sempre più ricco di aspetti umani, di vicende personali, di pieghe psicologiche, secondo un progetto chiaro fin dall’inizio: scrivere la storia di una donna dei nostri tempi che per mestiere risolve avvincenti enigmi criminali, sullo sfondo di una società complessa e piena di ingiustizie. Dopo i tanti romanzi che ne raccontano le avventure, è nata così l’esigenza del “Romanzo di Petra”: che ne riveli la famiglia in cui è nata, la formazione, i primi amori, le scelte vitali, il modellarsi della personalità per gli incontri fatti ma anche per i cambiamenti della Storia. Figlia di repubblicani, frequenta tuttavia una scuola di suore, nella Spagna clerico fascista del dittatore Franco al suo tramonto: lei ne esce quando scoppiano le grandi proteste studentesche. Con la scoperta del sesso e i primi amori germoglia in Petra l’orgoglio femminile. Ma il vero squarcio nell’esistenza è il matrimonio “borghese” che le inocula quello scetticismo, quasi il nichilismo che, nel corso delle indagini, oppone ai valori per bene che sono per lei il contrario della pietà che prova verso il vero dolore delle vittime. Il lavoro in Polizia sarà la sua scuola di vita. Nell’odierno panorama letterario, non è comune un autore che scriva l’autobiografia del suo personaggio; lo si può fare solo quando questo personaggio ha una personalità così forte che vogliamo sapere tutto della sua vita.

Alicia Giménez-Bartlett (Almansa, 1951). Nota soprattutto per la celebre serie di gialli che vede come protagonista Petra Delicado, i cui capitoli più recenti sono Mio caro serial killer (2018), ed Exit (2019), la scrittrice, fin dall’esordio narrativo datato 1983, presenta una tematica chiave che funge da filo conduttore di tutta sua opera letteraria: il bisogno di libertà. I personaggi, sia storici sia fittizi, dell’autrice spagnola, sono caratterizzati da un forte bisogno di essere liberi, sessualmente e politicamente, liberi di essere diversi, di vivere secondo le proprie regole e, qualora questo non fosse possibile, liberi di morire.   Tutti i suoi romanzi sono stati pubblicati in Italia dall’editore Sellerio. Ha anche scritto numerose opere di narrativa non di genere, tra cui: Una stanza tutta per gli altri (2003, 2009, Premio Ostia Mare Roma 2004), Vita sentimentale di un camionista (2004), Segreta Penelope (2006), Giorni d’amore e inganno (2008), Dove nessuno ti troverà (2011), Exit (2012) e Uomini nudi (2016, Premio Planeta 2015). Nel 2006 ha vinto il Premio Piemonte Grinzane Noir e il Premio La Baccante nato nell’ambito del Women’s Fiction Festival di Matera. Nel 2008 il Raymond Chandler Award del Courmayeur Noir in Festival. Nel 2020 Raiuno ha messo in onda la fiction Petra, interpretata da Paola Cortellesi e diretta da Maria Sole Tognazzi, basata sui romanzi della fortunata serie, mentre a marzo 2021 sono iniziate le riprese della seconda stagione.

OUT OF COMPETITION AND SPECIAL EVENTS

Addio a John le Carré

Con lui l’incontro più bello e incredibile della nostra storia di festival. Abbiamo incontrato al Noir, David Cornwell all’alba del nuovo secolo quando, nel 2001, accettò di venire a Courmayeur per ritirare il Raymond Chandler Award.

Aspettando il Festival

Aspettando il Festival

In attesa della trentesima edizione che avrà inizio l’otto marzo con una pre-apertura il sette dedicata al Premio Caligari, ecco gli ospiti, gli appuntamenti e le iniziative di febbraio.

Autobiografia di Petra Delicado

Alicia Giménez-Bartlett
Sellerio

Nei romanzi gialli di Alicia Giménez-Bartlett, la protagonista Petra Delicado della polizia di Barcellona non è solo l’ispettrice, brusca, franca e femminista, che risolve i delitti consumando le suole delle scarpe. Inchiesta dopo inchiesta il personaggio Petra si è mostrato al lettore sempre più ricco di aspetti umani, di vicende personali, di pieghe psicologiche, secondo un progetto chiaro fin dall’inizio: scrivere la storia di una donna dei nostri tempi che per mestiere risolve avvincenti enigmi criminali, sullo sfondo di una società complessa e piena di ingiustizie. Dopo i tanti romanzi che ne raccontano le avventure, è nata così l’esigenza del “Romanzo di Petra”: che ne riveli la famiglia in cui è nata, la formazione, i primi amori, le scelte vitali, il modellarsi della personalità per gli incontri fatti ma anche per i cambiamenti della Storia. Figlia di repubblicani, frequenta tuttavia una scuola di suore, nella Spagna clerico fascista del dittatore Franco al suo tramonto: lei ne esce quando scoppiano le grandi proteste studentesche. Con la scoperta del sesso e i primi amori germoglia in Petra l’orgoglio femminile. Ma il vero squarcio nell’esistenza è il matrimonio “borghese” che le inocula quello scetticismo, quasi il nichilismo che, nel corso delle indagini, oppone ai valori per bene che sono per lei il contrario della pietà che prova verso il vero dolore delle vittime. Il lavoro in Polizia sarà la sua scuola di vita. Nell’odierno panorama letterario, non è comune un autore che scriva l’autobiografia del suo personaggio; lo si può fare solo quando questo personaggio ha una personalità così forte che vogliamo sapere tutto della sua vita.

Alicia Giménez-Bartlett (Almansa, 1951). Nota soprattutto per la celebre serie di gialli che vede come protagonista Petra Delicado, i cui capitoli più recenti sono Mio caro serial killer (2018), ed Exit (2019), la scrittrice, fin dall’esordio narrativo datato 1983, presenta una tematica chiave che funge da filo conduttore di tutta sua opera letteraria: il bisogno di libertà. I personaggi, sia storici sia fittizi, dell’autrice spagnola, sono caratterizzati da un forte bisogno di essere liberi, sessualmente e politicamente, liberi di essere diversi, di vivere secondo le proprie regole e, qualora questo non fosse possibile, liberi di morire.   Tutti i suoi romanzi sono stati pubblicati in Italia dall’editore Sellerio. Ha anche scritto numerose opere di narrativa non di genere, tra cui: Una stanza tutta per gli altri (2003, 2009, Premio Ostia Mare Roma 2004), Vita sentimentale di un camionista (2004), Segreta Penelope (2006), Giorni d’amore e inganno (2008), Dove nessuno ti troverà (2011), Exit (2012) e Uomini nudi (2016, Premio Planeta 2015). Nel 2006 ha vinto il Premio Piemonte Grinzane Noir e il Premio La Baccante nato nell’ambito del Women’s Fiction Festival di Matera. Nel 2008 il Raymond Chandler Award del Courmayeur Noir in Festival. Nel 2020 Raiuno ha messo in onda la fiction Petra, interpretata da Paola Cortellesi e diretta da Maria Sole Tognazzi, basata sui romanzi della fortunata serie, mentre a marzo 2021 sono iniziate le riprese della seconda stagione.

LUCIO FULCI

Addio a John le Carré

Con lui l’incontro più bello e incredibile della nostra storia di festival. Abbiamo incontrato al Noir, David Cornwell all’alba del nuovo secolo quando, nel 2001, accettò di venire a Courmayeur per ritirare il Raymond Chandler Award.

Aspettando il Festival

Aspettando il Festival

In attesa della trentesima edizione che avrà inizio l’otto marzo con una pre-apertura il sette dedicata al Premio Caligari, ecco gli ospiti, gli appuntamenti e le iniziative di febbraio.

Autobiografia di Petra Delicado

Alicia Giménez-Bartlett
Sellerio

Nei romanzi gialli di Alicia Giménez-Bartlett, la protagonista Petra Delicado della polizia di Barcellona non è solo l’ispettrice, brusca, franca e femminista, che risolve i delitti consumando le suole delle scarpe. Inchiesta dopo inchiesta il personaggio Petra si è mostrato al lettore sempre più ricco di aspetti umani, di vicende personali, di pieghe psicologiche, secondo un progetto chiaro fin dall’inizio: scrivere la storia di una donna dei nostri tempi che per mestiere risolve avvincenti enigmi criminali, sullo sfondo di una società complessa e piena di ingiustizie. Dopo i tanti romanzi che ne raccontano le avventure, è nata così l’esigenza del “Romanzo di Petra”: che ne riveli la famiglia in cui è nata, la formazione, i primi amori, le scelte vitali, il modellarsi della personalità per gli incontri fatti ma anche per i cambiamenti della Storia. Figlia di repubblicani, frequenta tuttavia una scuola di suore, nella Spagna clerico fascista del dittatore Franco al suo tramonto: lei ne esce quando scoppiano le grandi proteste studentesche. Con la scoperta del sesso e i primi amori germoglia in Petra l’orgoglio femminile. Ma il vero squarcio nell’esistenza è il matrimonio “borghese” che le inocula quello scetticismo, quasi il nichilismo che, nel corso delle indagini, oppone ai valori per bene che sono per lei il contrario della pietà che prova verso il vero dolore delle vittime. Il lavoro in Polizia sarà la sua scuola di vita. Nell’odierno panorama letterario, non è comune un autore che scriva l’autobiografia del suo personaggio; lo si può fare solo quando questo personaggio ha una personalità così forte che vogliamo sapere tutto della sua vita.

Alicia Giménez-Bartlett (Almansa, 1951). Nota soprattutto per la celebre serie di gialli che vede come protagonista Petra Delicado, i cui capitoli più recenti sono Mio caro serial killer (2018), ed Exit (2019), la scrittrice, fin dall’esordio narrativo datato 1983, presenta una tematica chiave che funge da filo conduttore di tutta sua opera letteraria: il bisogno di libertà. I personaggi, sia storici sia fittizi, dell’autrice spagnola, sono caratterizzati da un forte bisogno di essere liberi, sessualmente e politicamente, liberi di essere diversi, di vivere secondo le proprie regole e, qualora questo non fosse possibile, liberi di morire.   Tutti i suoi romanzi sono stati pubblicati in Italia dall’editore Sellerio. Ha anche scritto numerose opere di narrativa non di genere, tra cui: Una stanza tutta per gli altri (2003, 2009, Premio Ostia Mare Roma 2004), Vita sentimentale di un camionista (2004), Segreta Penelope (2006), Giorni d’amore e inganno (2008), Dove nessuno ti troverà (2011), Exit (2012) e Uomini nudi (2016, Premio Planeta 2015). Nel 2006 ha vinto il Premio Piemonte Grinzane Noir e il Premio La Baccante nato nell’ambito del Women’s Fiction Festival di Matera. Nel 2008 il Raymond Chandler Award del Courmayeur Noir in Festival. Nel 2020 Raiuno ha messo in onda la fiction Petra, interpretata da Paola Cortellesi e diretta da Maria Sole Tognazzi, basata sui romanzi della fortunata serie, mentre a marzo 2021 sono iniziate le riprese della seconda stagione.

IULM NOIR – CALIGARI AWARD

Addio a John le Carré

Con lui l’incontro più bello e incredibile della nostra storia di festival. Abbiamo incontrato al Noir, David Cornwell all’alba del nuovo secolo quando, nel 2001, accettò di venire a Courmayeur per ritirare il Raymond Chandler Award.

Aspettando il Festival

Aspettando il Festival

In attesa della trentesima edizione che avrà inizio l’otto marzo con una pre-apertura il sette dedicata al Premio Caligari, ecco gli ospiti, gli appuntamenti e le iniziative di febbraio.

Autobiografia di Petra Delicado

Alicia Giménez-Bartlett
Sellerio

Nei romanzi gialli di Alicia Giménez-Bartlett, la protagonista Petra Delicado della polizia di Barcellona non è solo l’ispettrice, brusca, franca e femminista, che risolve i delitti consumando le suole delle scarpe. Inchiesta dopo inchiesta il personaggio Petra si è mostrato al lettore sempre più ricco di aspetti umani, di vicende personali, di pieghe psicologiche, secondo un progetto chiaro fin dall’inizio: scrivere la storia di una donna dei nostri tempi che per mestiere risolve avvincenti enigmi criminali, sullo sfondo di una società complessa e piena di ingiustizie. Dopo i tanti romanzi che ne raccontano le avventure, è nata così l’esigenza del “Romanzo di Petra”: che ne riveli la famiglia in cui è nata, la formazione, i primi amori, le scelte vitali, il modellarsi della personalità per gli incontri fatti ma anche per i cambiamenti della Storia. Figlia di repubblicani, frequenta tuttavia una scuola di suore, nella Spagna clerico fascista del dittatore Franco al suo tramonto: lei ne esce quando scoppiano le grandi proteste studentesche. Con la scoperta del sesso e i primi amori germoglia in Petra l’orgoglio femminile. Ma il vero squarcio nell’esistenza è il matrimonio “borghese” che le inocula quello scetticismo, quasi il nichilismo che, nel corso delle indagini, oppone ai valori per bene che sono per lei il contrario della pietà che prova verso il vero dolore delle vittime. Il lavoro in Polizia sarà la sua scuola di vita. Nell’odierno panorama letterario, non è comune un autore che scriva l’autobiografia del suo personaggio; lo si può fare solo quando questo personaggio ha una personalità così forte che vogliamo sapere tutto della sua vita.

Alicia Giménez-Bartlett (Almansa, 1951). Nota soprattutto per la celebre serie di gialli che vede come protagonista Petra Delicado, i cui capitoli più recenti sono Mio caro serial killer (2018), ed Exit (2019), la scrittrice, fin dall’esordio narrativo datato 1983, presenta una tematica chiave che funge da filo conduttore di tutta sua opera letteraria: il bisogno di libertà. I personaggi, sia storici sia fittizi, dell’autrice spagnola, sono caratterizzati da un forte bisogno di essere liberi, sessualmente e politicamente, liberi di essere diversi, di vivere secondo le proprie regole e, qualora questo non fosse possibile, liberi di morire.   Tutti i suoi romanzi sono stati pubblicati in Italia dall’editore Sellerio. Ha anche scritto numerose opere di narrativa non di genere, tra cui: Una stanza tutta per gli altri (2003, 2009, Premio Ostia Mare Roma 2004), Vita sentimentale di un camionista (2004), Segreta Penelope (2006), Giorni d’amore e inganno (2008), Dove nessuno ti troverà (2011), Exit (2012) e Uomini nudi (2016, Premio Planeta 2015). Nel 2006 ha vinto il Premio Piemonte Grinzane Noir e il Premio La Baccante nato nell’ambito del Women’s Fiction Festival di Matera. Nel 2008 il Raymond Chandler Award del Courmayeur Noir in Festival. Nel 2020 Raiuno ha messo in onda la fiction Petra, interpretata da Paola Cortellesi e diretta da Maria Sole Tognazzi, basata sui romanzi della fortunata serie, mentre a marzo 2021 sono iniziate le riprese della seconda stagione.

Torna in cima